Home

Bettona diventa magia, amore, teatro e mette in scena un opera unica.
22 scene recitate,
150 comparse uno dei più grandi presepi viventi dell’Umbria attraverso i suggestivi vicoli di uno dei “borghi più belli d’Italia”.

Chi è questo bambino che riempirà il mondo?

Un falegname che toglierà i mali dell’ uomo come fossero nodi del legno…?

Un cordaio che intreccerà i cuori degli uomini come fossero fili di canapa…?

 

Calendario delle rappresentazione
26 e 30 dicembre 2018
1 e 6 gennaio 2019

Per facilitare l’ingresso al Presepe Vivente, a partire dalle ore 17:00 si potranno ritirare i biglietti numerati presso la postazione in Corso G. Marconi.

Le rappresentazioni avranno inizio alle 17.30.

Ogni gruppo (di circa 30/40 persone) sarà accompagnato da una guida attraverso il borgo, assistendo alle scene recitate.

I gruppi partiranno all’incirca ogni 10 minuti.
L’intero percorso ha una durata di circa 40 minuti.

 

Non Mancate!

Dove Siamo

Bettona è un comune in Umbria, circa 4000 abitanti,
che dista circa 16 km da Assisi e 20 km da Perugia.

Come raggiungere?

Storia

Nel 2008 un gruppo di “bettonesi” pensò di dar corpo ad un Presepe Vivente all’interno del centro storico, nei vicoli e piazzette del XIII/XIV sec., nella parte più nascosta e suggestiva dell’antica “città”.

Hanno immaginato una “passeggiata” che, attraversando longitudinalmente il paese, raccontasse la poesia della “Natività”, riscoprendo, allo stesso momento, antichi mestieri ormai persi nel tempo e scene di vita quotidiana purtroppo dimenticata.

L’idea, con il fondamentale aiuto della Pro-loco Bettona e la condivisione del Comune, ha cominciato a prendere corpo, grazie all’opera di Luca Sargenti che ne ha curato testi e scenografia, e la scommessa, che all’inizio sembrava così difficile, è stata vinta.

Nelle 22 scene, che compongono il presepe, i visitatori saranno guidati alla ricerca di quella luce del mondo che è il “bambino Gesù”.

Sono oltre 150 le comparse in costume che danno vita e corpo alle raffigurazione di momenti di vita passata, dai pastori, alla via della lana, al tintore, al cordaio, al fabbro, al fornaio, ecc., intercalate con momenti legati alla Natività come l’Annunciazione, Erode, la capanna.